Iscriviti alla newsletter   --->   ISCRIVIMI

Una volta ero grasso!

1233 Views 0 Comment
All’università eravamo costantemente messi di fronte alla paura della pagina bianca.
Un nuovo progetto, una nuova relazione, una nuova sfida. Il dover cominciare da zero un nuovo progetto era una cosa spaventosa, ma anche spaventosamente entusiasmante.
Oggi più che mai avverto il peso di tale sfida. Il dover scrivere il mio primo post per questo nuovo progetto online mi spaventa ed eccita nello stesso momento.
E’ un po’ come quando sei in discoteca, senti il vocalist parlare (a volte dicendo frasi vuote e senza senso) e vorresti rubargli il microfono per dire la tua. Poi lui ti passa il microfono e tu hai quei 3 secondi a disposizione per fare sentire a tutti quello che hai da dire. E li…il nulla! Nulla! Non ti viene in mente niente di intelligente da dire e ti limiti ad arrossire imbarazzatissimo davanti a centinaia di persone. Strano, perché fino ad un momento prima pareva di avere la testa intasata dall’enormità di cose intelligenti da dire. Sensazione che rinasce subito dopo aver riconsegnato al vocalist il suo giocattolo preferito.
Così io mi sento, in questo preciso momento. Ho molte cose che vorrei dire, ma esse sono incastrate l’una con l’altra nell’intento di uscire tutte insieme, contemporaneamente! Questo è quello che si prova quando hai moltissimo da dire, una finestra di tempo per farlo, ma non ti viene nulla in mente, così, su due piedi.
Fortunatamente il mezzo che d’ora in avanti proverò ad utilizzare (per la prima volta in vita mia a questo scopo) eliminerà l’ansia da “prestazione”.
Ora con tutta la calma del mondo potrò scrivere, cambiare, modificare e infine pubblicare, senza dover subire tutta quella “tensione”.
 
Ma che c’entra tutta questa noiosa introduzione con il titolo. Un attimo di pazienza e ci arrivo.
 
Innanzitutto, perché rinascere? O RinasceRe. Perché io ho una filosofia. Io credo nella rinascita. Una rinascita spirituale, mentale, fisica, sociale, affettiva, ecc.
Sono fermamente convinto che ognuno di noi rinasce, possa rinascere o rinascerà. In ogni aspetto o ambito della sua vita chiunque rinasce.
Quando ci svegliamo, quando cambiamo qualcosa in noi, qualcosa di nostro, consideratelo come una piccola rinascita.
La rinascita è un cambiamento, un cambiamento della persona, un rinnovarsi. Le persone si rinnovano continuamente sotto i nostri occhi. Ai più questa cosa accade sotto al naso senza che se ne accorgano. I cambiamenti gli accadono “addosso” non li cercano ne li vorrebbero, semplicemente gli accadono.
Ma se una persona, conscia della sua forza, potesse attuare in se un cambiamento…una rinascita.
Questo ho fatto io, 5 anni fa.
Ho deciso di cambiare.
Ho deciso di non essere più quello “grasso”.
Ho preso in mano la mia vita e ho attuato un cambiamento.
Perché l’ho voluto. Io!
Nessuno me l’ha chiesto.
Nessuno mi ha pregato perché lo facessi.
L’ho fatto io!
IO!
 
Questa è la parola più potente che possiate mai pronunciare!
 
IO!
 
Questo voglio raccontare. Si perché io ho una storia da raccontare. La storia di come sono rinato!
 
Ora, questa mia rinascita appartiene al settore esteriore del mio essere, parliamo del mero aspetto fisico. Non voglio che il blog diventi SOLO questo, voglio che diventi ANCHE questo. Desidero piuttosto che diventi un luogo dove poter condividere esperienze di vita, esperienze di rinascita, che sicuramente ognuno di voi ha affrontato, sta affrontando o affronterà nel corso della sua vita.
Condividerò con voi strategie, gioie, dolori e tutte le sensazioni provate, che sto provando e che proverò durante il cammino, il mio cammino, la mia vita, nella speranza che possano aiutare anche voi, qualora ne abbiate bisogno.
 
Il primo a raccontare le sue esperienze sarò io, i successivi mi auguro sarete voi.
 
 
A prestissimo,
 
Riccardo.